manifestazione “Cammina Molise”

Presentata la manifestazione organizzata dall’associazione “La Terra” in collaborazione con Italia Nostra. Il programma

È stata presentata nella sala Gialla della Provincia di Isernia la diciassettesima edizione della manifestazione “Cammina Molise”, organizzata dall’associazione culturale “La Terra” in collaborazione con “Italia Nostra” e patrocinata dall’assessorato al Turismo della Regione Molise, dal Ministero dei Beni Culturali, e dalle Province di Campobasso e di Isernia.

Si tratta di un cammino di testimonianza nel territorio del versante molisano del Matese, che partirà il prossimo 6 agosto dalla Riserva Naturale regionale di Monte Patalecchia fino ad arrivare all’Oasi WWF-Riserva Naturale regionale Guardiaregia-Campochiaro e, quindi il 9 agosto, alla zona archeologica di Altilia.

L’intento sarà quello di proporre la conoscenza di un territorio ancora integro sotto il profilo naturalistico e ricco di storia e di cultura. Il percorso attraversato sarà di circa 90 chilometri.

Ad illustrare i contenuti dell’evento e i risvolti a livello turistico e culturale sono stati, il presidente provinciale dell’associazione “Italia Nostra”, Claudio Di Cerbo, il presidente dell’associazione culturale “La Terra”, Giovanni Germano, e il presidente della Provincia di Isernia, Luigi Mazzuto.

“Il percorso – ha spiegato Di Cerbo – collega tre aree protette situate nelle province di Isernia e Campobasso e cioè quella del Callora, quella del Matese, tra Roccamandolfi e Monteroduni, e quella di Guardiaregia. Duecento persone provenienti da tutta Italia e dall’estero hanno aderito alla manifestazione che permetterà di scoprire sentieri inediti e di far conoscere le bellezze del nostro territorio”.

Giovanni Germano si è soffermato sul significato di “Cammina Molise”. “Il nostro – ha affermato Germano – vuole essere un cammino di testimonianza per dare un contributo alla crescita del territorio e alla creazione di una vera e propria filiera turistica.

Questa manifestazione dimostra che c’è realmente la possibilità di attrarre turisti in Molise. Le strutture ricettive per fare tutto ciò ci sono e anche le risorse umane. Per incrementare l’afflusso turistico è necessario, però, raccordarsi con le istituzioni.

E, a tal fine, le invito a confrontarsi con le associazioni al fine di poter far conoscere sempre meglio il nostro territorio. Del resto sono convinto che questa terra possa risorgere economicamente puntando, soprattutto, sulle proprie bellezze ambientali ed archeologiche”.

L’appello lanciato da Germano è stato subito raccolto dal presidente, Luigi Mazzuto che ha ringraziato gli organizzatori di questa manifestazione che si prefigge di raggiungere gli stessi obiettivi dell’ente di via Berta in campo turistico.

“ Sulla salvaguardia del territorio e lo sviluppo del turismo – ha dichiarato Mazzuto – la Provincia sta puntando con decisione. Abbiamo, quindi, gli stessi obiettivi dei Comuni e delle associazioni turistiche, ambientali e culturali con cui intendiamo confrontarci continuamente. Tant’è che ad esempio già il primo agosto avremo un primo incontro con le Pro loco per programmare in modo sinergico le manifestazioni da organizzare sul territorio, evitando anche eventi doppi. E, proprio la messa in campo di azioni sinergiche tra la Provincia, le associazioni presenti sul territorio e i Comuni ci permetterà – ha sottolineato il Presidente – di fare sistema e poter rafforzare la nostra offerta turistica per creare sviluppo e posti di lavoro. Credo che se già dalla prossima primavera riusciremo ad organizzare settimanalmente iniziative di grande interesse come “Cammina Molise” allora vorrà dire che avremo fatto un decisivo passo in avanti in questa direzione”.

Mazzuto ha ricordato nel corso della conferenza stampa che la Provincia sarà presente in tutte le tappe della manifestazione non solo con la polizia provinciale ma anche con i collaboratori di vigilanza ambientale. 

Inoltre, il Presidente ha annunciato che a breve partirà anche un altro progetto riguardante il turismo e l’ambiente, ossia, quello riguardante la formazione di venti guide escursionistiche.

“Con tutte queste iniziative – ha concluso Mazzuto – potremo coniugare e mettere a sistema tra di loro le azioni volte alla tutela dell’ambiente e allo sviluppo del turismo”.